TILLANDSIA USNEOIDES

TILLANDSIA USNEOIDES

La Tillandsia Usneoides è una originaria delle foreste del Sud/Centro America. Si trova su innumerevoli tipi di supporto: alberi, arbusti, rocce e strutture di vario tipo. Presente come epifita su molte specie vegetali, come su intere pareti di montagna del Sud America.
L'Usneoides è conosciuta anche come "muschio spagnolo" o "barba di Mosè" per la sua caratteristica e lunga massa argentea. Una curiosità su questa particolare pianta: data la sua enorme diffusione, nel periodo del dopoguerra veniva utilizzato anche come materiale per le imbottiture dei materassi e dei sedili delle automobili.

Per rendersi conto dello stato di salute di questa specie, si deve prestare attenzione che emetta con regolarità foglioline nuove all'estremità o nelle diramazioni di ogni singolo "filo". 

Le piante aeree, non necessitano di essere coltivate in terra, infatti per loro è ideale un supporto (come le nostre MERLINO) che le permettano di ricevere la giusta luce e ventilazione. 

ACQUA | le irrigazioni possono essere frequenti, alla nebulizzazione è preferibile una immersione per circa 1 minuto in una bacinella. Si deve favorire un veloce asciugamento, appendendo il ciuffo in un luogo arieggiato e ben illuminato.

LUCE | si deve fare in modo che il ciuffo possa usufruire di una sufficiente quantità di luce per diverse ore al giorno. Se tenuta all’interno di casa necessita di una una posizione non distante dalla finestra e niente sole diretto. Resiste a temperature anche oltre i 28° ma va protetta sotto i 10°.

CURA | necessita un buon ricircolo d’aria, può’ essere tenuta in casa dentro ad un cestino o ricadente da una mensola. Meglio se non appoggiata contro il muro o appesa con un supporto. La parte non esposta all’aria infatti secca facilmente.


FIORITURA | l'emissione di fiori avviene lungo i fili, che son composti di un sottile fusto con foglioline inserite su di esso. Fiorisce in modo discreto ma abbondante con minuscoli fiorellini tra il verde e l’arancio, fenomeno molto più diffuso all’aperto che in casa.
Torna al blog